Salisburgo, 1912 circa. Marco Giacin, di Vodo di Cadore, con un giovane parente.
(Per gentile concessione di Marco Moretta)