La famiglia Canelli nel 1913. Nei paesi della Mitteleuropa è molto apprezzato il lavoro degli scalpellini bellunesi.
(Archivio Associazione Bellunesi nel Mondo)